Ogni disordine è disordine controllato, trapunto d'intervalli riservati alla vendita di a...

L'animale morente, Philip Roth

Scrivere significa riscrivere

Albert Camus

Ogni estrema passione è estremo convincimento

Frammento I°

I suoi occhi gialli hanno lasciato una sola fessura per gettarvi le monete della notte

Ode al gatto, Pablo Neruda

Non avrebbe saputo spiegarla, era una pena che superava il suo livello d'istruzione

Céline, Viaggio al termine della notte

Follia

Il cielo e il pennello

si abbassa – si abbassa – si abbassa – più sali, più si abbassa – io salgo, devo farlo, ho una missione – salire, salire, è la missione – Asterix e Obelix – loro avevano una paura, una paura – che il cielo ci cada sulla testa, la testa, così, dicevano – quindi io salgo, salgo – ascensione  di un corpo: – la fisica – è – importante – Asterix, Obelix e Galileo – la caduta dei gravi, gravissimi – spatapum! – quindi io salgo e sto attento, ho imparato, ho fatto dei corsi, mi sono ispirato – Asterix, Obelix, Galileo e Messner – un piede a destra – una mano a sinistra – scarpe buone – allenamento – respira – gira la testa – copriti – non ti scottare – ascesa – al monte – ventoso – epico – e faticoso attento a non inciampare – si scivola, si rotola – così – spom spom pom pom pom pom pom pom pom pompompompompom– e sei di nuovo alla partenza – caput! – e rinasci – Asterix, Obelix, Galileo, Messner e il Buddha Gautama – Ohmmmm, Ohmmmm – medita o stringi i denti – li stringo – è più naturale – li stringo – così, forte – digrignano – scratch! scratch! scratch! scratch! – b r u x i s m o – non è semplice dirlo – non lo faccio più – costa fatica – preferisco il silenzio – stai zitto! – ti conviene – l’omertà – Asterix, Obelix, Galileo, Messner, il Buddha Gautama, un picciotto – mi riposo – sì – per un istante – respiro – aria – poca – ma pulita – sana – aria rarefatta, di montagna  Se il cielo cade adesso, però, sarà meno violento l’impatto  potrei trovare un rifugio, come fanno gli alpinisti – o sciogliere ogni tipo di tensione, raggiungendo il Nirvana, che si trova oltre il cielo – ma io sono solo un esserino, un omuncolo – devo essere sveglio, deciso, spietato, abominevole – io salgo su, salgo e quando ti raggiungo cielo, cielo mio, mio cielino – l’hai voluto tu – devo proteggermi – tiro fuori questo pennello e ti dipingo un bel buco – sì – abbastanza grande – per me e la mia tenda – e sto lì sotto, vivo lì sotto – vitanaturaldurante – cadi pure, poi, se vuoi – nel blu, dipinto di un buco nero – Asterix, Obelix, Galileo, Messner, il Buddha Gautama, un picciotto, Domenico Modugno, Stephen Hawking – ed io – non più in pericolo – finalmente salvo.

Francesco Montori

Chiunque potrà scrivere e rendere visibile il proprio esercizio, dopo aver lasciato l'indirizzo email.

Made by OSOM