Non avrebbe saputo spiegarla, era una pena che superava il suo livello d'istruzione

Céline, Viaggio al termine della notte

Scrivere significa riscrivere

Albert Camus

I suoi occhi gialli hanno lasciato una sola fessura per gettarvi le monete della notte

Ode al gatto, Pablo Neruda

Ogni estrema passione è estremo convincimento

Frammento I°

Ogni disordine è disordine controllato, trapunto d'intervalli riservati alla vendita di a...

L'animale morente, Philip Roth

Follia

Il cielo e il pennello

si abbassa – si abbassa – si abbassa – più sali, più si abbassa – io salgo, devo farlo, ho una missione – salire, salire, è la missione – Asterix e Obelix – loro avevano una paura, una paura – che il cielo ci cada sulla testa, la testa, così, dicevano – quindi io salgo, salgo – ascensione  di un corpo: – la fisica – è – importante – Asterix, Obelix e Galileo – la caduta dei gravi, gravissimi – spatapum! – quindi io salgo e sto attento, ho imparato, ho fatto dei corsi, mi sono ispirato – Asterix, Obelix, Galileo e Messner – un piede a destra – una mano a sinistra – scarpe buone – allenamento – respira – gira la testa – copriti – non ti scottare – ascesa – al monte – ventoso – epico – e faticoso attento a non inciampare – si scivola, si rotola – così – spom spom pom pom pom pom pom pom pom pompompompompom– e sei di nuovo alla partenza – caput! – e rinasci – Asterix, Obelix, Galileo, Messner e il Buddha Gautama – Ohmmmm, Ohmmmm – medita o stringi i denti – li stringo – è più naturale – li stringo – così, forte – digrignano – scratch! scratch! scratch! scratch! – b r u x i s m o – non è semplice dirlo – non lo faccio più – costa fatica – preferisco il silenzio – stai zitto! – ti conviene – l’omertà – Asterix, Obelix, Galileo, Messner, il Buddha Gautama, un picciotto – mi riposo – sì – per un istante – respiro – aria – poca – ma pulita – sana – aria rarefatta, di montagna  Se il cielo cade adesso, però, sarà meno violento l’impatto  potrei trovare un rifugio, come fanno gli alpinisti – o sciogliere ogni tipo di tensione, raggiungendo il Nirvana, che si trova oltre il cielo – ma io sono solo un esserino, un omuncolo – devo essere sveglio, deciso, spietato, abominevole – io salgo su, salgo e quando ti raggiungo cielo, cielo mio, mio cielino – l’hai voluto tu – devo proteggermi – tiro fuori questo pennello e ti dipingo un bel buco – sì – abbastanza grande – per me e la mia tenda – e sto lì sotto, vivo lì sotto – vitanaturaldurante – cadi pure, poi, se vuoi – nel blu, dipinto di un buco nero – Asterix, Obelix, Galileo, Messner, il Buddha Gautama, un picciotto, Domenico Modugno, Stephen Hawking – ed io – non più in pericolo – finalmente salvo.

Francesco Montori

Chiunque potrà scrivere e rendere visibile il proprio esercizio, dopo aver lasciato l'indirizzo email.

Made by OSOM